Boston, Stati Uniti: Secondo precedenti studi, i bambini sono esposti a batteri cariogeni, come lo Streptococcus mutans, principalmente attraverso contatti con le proprie madri, come lo scambio di posate o i baci sulle labbra. Tuttavia, una nuova ricerca ha messo in luce che lo S. mutans, il principale batterio associato alle carie dentali, può essere trasmesso anche in altre occasioni extra familiari.

Lo S. mutans si trasmette tra gli umani. I bambini posseggono di solito più di una specie del virus e ne passano almeno una alla madre o ad altri membri della famiglia. Nonostante ciò, il 72% dei bambini dello studio mostravano una o più specie che non sono state trovate in altri familiari. I ricercatori hanno perciò concluso che si doveva trattare di specie con le quali erano venuti in contatto al di fuori dell’ambiente familiare, probabilmente dalla frequentazione di altri bambini.

«Mentre la teoria prevalente identifica la trasmissione dello S. mutans da madre a figlio, in questo studio il 40% dei bambini non avevano specie in comune con le madri», ha detto l’autrice della ricerca Stephanie Momeni, dottoranda presso il dipartimento di biologia dell’Università dell’Alabama a Birmingham, negli Stati Uniti. Il 22,8% dei bambini condivideva 37 specie con un solo altro bambino proveniente dall’ambiente domestico (cugino o parente), dimostrando un’altra dimensione della trasmissione intra-familiare.

In totale, i ricercatori hanno contato 13.145 S. mutans isolati da 119 bambini afro-americani e da almeno un membro familiare, anche se non tutti i membri hanno deciso di partecipare allo studio. È stato identificato più di un membro familiare per il 76% dei bambini, con una media generale di 3,24 per ogni bambino.

«Se i dati supportano l’idea della trasmissione del virus da madre a figlio, la ricerca attuale mostra anche l’importanza del contagio da bambino a bambino; questo assume particolare rilevanza nella valutazione del rischio e nella prevenzione delle carie dentali», ha affermato Momeni.

Secondo i ricercatori sono necessarie ulteriori analisi che confermino i risultati dello studio intitolato «Evidence for horizontal transmission of streptococcus mutans among children and their family members by Rep-Pcr» e presentato al congresso dell’American Society for Microbiology Microbe, a Boston.