Calgary & Edmonton (Canada). La potabilizzazione dell’acqua con uso di fluoro, è una questione dibattuta in tutto il mondo. Ampiamente utilizzata in Nord America, molti paesi europei hanno invece dismesso la fluorizzazione. Non essendovi studi recenti sugli effetti della cessazione, i ricercatori canadesi ne hanno studiato l’impatto sulla carie scoprendo che due o tre anni dopo la sospensione, interviene un’accelerazione della carie, fenomeno reso più evidente nei denti primari.

In Canada, la fluorizzazione dell’acqua pubblica è in vigore dal 1945. Oggi, quasi il 75 per cento della provincia canadese dell’Alberta ha una fornitura di acqua fluorizzata artificialmente. Tuttavia, un certo numero di comuni ha recentemente deciso di interromperla, compresa Calgary, che dopo 20 anni, l’ha sospesa dal maggio 2011.

In uno studio pubblicato di recente, i ricercatori della locale Università hanno quindi confrontato l’andamento delle carie nei bambini delle scuole di Calgary con quelli di Edmonton, che adotta la fluorizzazione dell’acqua dal 1967.

Nell’esaminare i dati relativi agli anni scolastici 2004/2005 e 2013/2014, hanno osservato un aumento generale delle carie primaria in entrambe le città, ma in termini assoluti la crescita è stata superiore a Calgary. Nella loro analisi si sono concentrati su superfici dentali lisce, in cui il fluoro ha probabilmente un impatto maggiore.

La ricerca dal titolo “Measuring the short-term impact of fluoridation cessation on dental caries in Grade 2 children using tooth surface indices”, è stata pubblicata online il 17 febbraio sul Community Dentistry and Oral Epidemiology prima della sua andata in stampa.

 

FONTE: http://www.dental-tribune.com